Codice Etico e Responsabilità Sociale

Codice Etico e Responsabilità Sociale

La Cooperativa San Lidano ha approvato il proprio Codice Etico e di Responsabilità Sociale il 12/07/2017.

Nel proprio Codice Etico, San Lidano sancisce i propri principi di Responsabilità Sociale ed i propri Valori, dai quali discendere, con coerenza, sia il proprio agire quotidiano che le strategie aziendali, con un focus particolare sul rispetto della legalità e le misure per la prevenzione e la lotta contro la corruzione e il malaffare.

Il 20 dicembre 2018, la Direzione di San Lidano ha stabilito una nuova Politica aziendale della Qualità che mette la Sostenibilità, Ambientale e Sociale, come primo obiettivo.

Il decalogo San Lidano per la qualità e sostenibilità

  1. fornire ai consumatori prodotti sicuri, ponendo i principi degli standard adottati di Sicurezza Alimentare la sicurezza e la salubrità del prodotto al centro della gestione dei processi e delle strategie di pianificazione e gestione della supply-chain per soddisfare le richieste del mercato e allo stesso tempo diano adeguate e risposte ai reclami dei clienti e assistenza post-vendita;
  2. ridurre i costi di non-Qualità, prevenendo le non conformità e ottimizzando l’organizzazione della gestione delle commesse, tramite un costante monitoraggio di prodotti e processi, inclusi quelli affidati in outsourcing, e la promozione e divulgazione presso i soci delle Buone Pratiche Agricole finalizzate all’utilizzo razionale delle risorse naturali e delle tecniche più moderne per il miglioramento degli impianti aziendali e delle produzioni;
  3. incrementare le vendite di prodotti a marchio dei Clienti, in uno spirito di partnership, puntando all’efficienza del servizio, all’offerta di prodotti con prezzi competitivi e/o a maggior valore aggiunto e alla riduzione dei reclami;
  4. promuovere e tutelare il territorio, rappresentando le produzioni e gli interessi dei Soci, tesi ad accrescere il valore dei propri prodotti, anche realizzando iniziative che valorizzino la ‘filiera corta’ e l’immagine aziendale vicina alla produzione;
  5. implementare azioni per la salvaguardia ambientale, valorizzandole commercialmente, finalizzate alla riduzione degli impatti derivanti dalle proprie attività, quali: monitorare e ottimizzare le risorse idriche al fine di contenerne i consumi, tutelare le acque superficiali attraverso la corretta gestione dei propri scarichi idrici, evitare situazioni di contaminazione di suolo, sottosuolo ed acque sotterranee ottimizzando la gestione delle sostanze pericolose proprie attività e delle, la gestione e l’utilizzo ottimale dell’energia attraverso idonee soluzioni impiantistiche, monitorare le emissioni atmosferiche di gas nocivi o ad effetto serra tramite corretta gestione degli impianti associati, contenere i rifiuti prodotti dalla propria attività e le emissioni di rumore, controllare e ridurre progressivamente tutte le sostanze lesive per la salute dei lavoratori e per l’ambiente, come pure, infine, promuovere presso i soci metodi di produzione a basso impatto ambientale (es. produzione integrata e lotta biologica) atti a prevenire l’inquinamento e tutelare le risorse naturali;
  6. ridurre i rischi per la sicurezza dei lavoratori sia in azienda che presso i Soci e i Fornitori, implementando azioni di prevenzione, di assistenza e di informazione;
  7. favorire la biodiversità degli agro-ecosistemi, attraverso un’adeguata e attenta assistenza tecnica ai soci, che incentivi l’applicazione di tecniche di coltivazione e di difesa alle colture che riducano gli input chimici, limitino i rischi di residui di sostanze utilizzate, risparmino le risorse non rinnovabili e salvaguardino la presenza delle specie selvatiche;
  8. realizzare attività di formazione a tutti i livelli, sia del personale, in particolare di quello impegnato in attività legate alla Qualità e Sostenibilità, che dei Soci e fornitori attraverso individuazione dei bisogni e appositi piani di formazione, per promuovere la responsabilità e la sensibilità dei dipendenti ad ogni livello verso queste tematiche.
  9. coinvolgere gli stakeholders, realizzando strategie di comunicazione con la cittadinanza, i clienti, gli enti pubblici e di controllo, i dipendenti, i soci, i fornitori e le altre parti interessate che consentano di raggiungere e di assicurare la massima trasparenza a tutte le parti interessate, implementando al contempo un sistema per il controllo e la sicurezza delle informazioni e dei dati, nell’ambito del SGQ aziendale, affinché limiti l’accesso a queste informazioni e dati da parte dei lavoratori e/o dei clienti e ne assicuri l’attuazione, il mantenimento e il miglioramento in modo continuo, per dare fiducia alle parti interessate sull’adeguatezza della gestione dei rischi.
  10. trasmettere la Politica aziendale a Soci e Fornitori, stipulando accordi contrattuali che li impegnino ad osservarne i contenuti e a rispettare i requisiti condivisi con la clientela, e implementare la RSI accertandosi che ne vengano rispettati i principi

Come primo passo, nel 2018, la Cooperativa San Lidano ha ottenuto la certificazione GlobalG.A.P. delle proprie aziende e superato l’audit di responsabilità Sociale in Agricoltura secondo il modulo G.R.A.S.P. con l’Ente di certificazione CSQA. È stata anche avviata la produzione biologica certificata.

A dimostrazione che l’impegno della Direzione è stato preso sul serio

Le cifre del proprio impegno sono pubblicate annualmente in un Report di Sostenibilità, ispirato ai principi delle norme ISO 14001 e SA8000, che contiene anche le azioni individuate dalla Direzione per il continuo miglioramento delle performance ambientali.



Scarica il documento in PDF